DENTE ROTTO, NO PANIC!


La rottura dei denti rappresenta un evento di particolare fastidio molto più comune di quanto si creda.

Questo è possibile in quanto anche se i denti sono forti sono suscettibili a crepe e fatture che possono poi, a loro volta, determinare la rottura degli stessi.

La rottura dei denti può avvenire, per esempio, qualora si mastichi qualcosa di particolarmente duro, oppure a seguire di un evento traumatico (caduta, colpo, incidente) o a causa di carie che vanno a rendere il dente debole all’interno e – conseguentemente - fragile.

Si evidenzia che qualora la crepa o la frattura del dente sia piccola non determina necessariamente dolore a differenza di una rottura più vasta che cagiona sicuramente maggior dolore.

Questo deriva dal fatto che maggiore è rottura superiore è anche la possibilità che ci sia un danno al nervo o che la dentina sia esposta al caldo e al freddo.

In caso di tale evenienza è fondamentale rivolgersi al dentista poiché questi è l’unico in grado di comprendere il problema e di verificare se ci sono danni alla parte vitale del dente e se è necessario un trattamento canalare.

In particolare, il dentista dopo aver valutato la gravità e la tipologia di rottura, definirà il trattamento più adeguato. Qualora il frammento recuperato possa essere riposizionato provvederà a ricollocarlo mentre in altre situazioni potrebbe essere necessario provvedere al

riempimento del dente rotto con materiali biocompatibili.

Si ricorda che la rottura può avvenire su un dente visibile.

In tal caso viene usata la tecnica a bonding che consiste nell’applicazione di una resina dello stesso colore dei denti, in grado di riparare i denti scheggiati o fessurati.

Qualora fosse necessario accrescere la solidità del dente la migliore soluzione si connota come l’applicazione della corona.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti